Dubai torna in Black List nel 2023

Dubai torna in Black List nel 2023

Dubai torna in Black List nel 2023

Scritto da MP

n

Categorie: News

Pubblicato il March 28, 2023

Maybe you might also be interested in:

Corporate Tax in UAE

On 31st January 2022, the UAE’s government announced it would be introducing a new corporate tax. Historically, The United Arab Emirates has not imposed taxes on the profits of corporations except those in a handful of industries such as resource extraction and...

Do I really need to care about bookkeeping in the UAE?

Bookkeeping is part and parcel of every running business. It helps the companies to track their expenses to ensure effective financial management. Not only this, step-by-step deployment of the accounting cycle enables the companies to provide better insights to the...

Dubai inserita nella Black List UE: la spiegazione

Alla fine del 2022, la Commissione UE ha deciso di inserire gli Emirati Arabi Uniti nella sua lista nera.

La decisione prende origine, come spiega Anthony Harris, ex ambasciatore britannico negli Emirati Arabi Uniti, sulla base del fatto che gli Emirati sembrano agevolare il riciclaggio di denaro.

Ciò segue l’azione del FATF, il Financial Action Task Force, il gruppo creato dal G7, che ha inserito gli Emirati nella sua lista di osservazione “grigia” all’inizio dell’anno scorso.

Gli EAU sono stati avvertiti che dovevano apportare miglioramenti fondamentali nel monitoraggio dei flussi finanziari illegali e stringere le loro regole di conformità nelle aree vulnerabili all’abuso, come il commercio di oro, pietre preziose e immobili.

Dubai e Black List: tutta la verità

Tuttavia, è indubbio come individuare gli Emirati Arabi in questo modo non solo sia ingiusto, ma anche ipocrita. Come i membri del G7 e dell’UE sapranno, gli Emirati hanno fatto enormi progressi negli ultimi anni.

Nel corso di un paio di decenni, sono diventati uno dei più grandi hub commerciali del Medio Oriente ed emergono come una potenza in una regione turbolenta.

Le autorità emiratine hanno fatto notevoli sforzi per cooperare con gli organismi internazionali e dimostrare di essere in grado di applicare rigorosi standard nei settori commerciali e finanziari.

Le strategie di Dubai per evitare la Black List

Infatti, all’inizio dello scorso anno, in risposta alle richieste del FATF, gli Emirati hanno istituito un Ufficio Esecutivo per la lotta al riciclaggio di denaro (AML) e al finanziamento del terrorismo (CTF) al centro del governo.

Ahmed Ali Al Sayegh, stretto consigliere del Presidente, ha dichiarato che gli Emirati avevano un piano d’azione per soddisfare le richieste del FATF e avrebbero lavorato per essere rimossi dalla loro lista grigia il prima possibile.

Inoltre, gli Emirati Arabi Uniti hanno adottato diversi provvedimenti amministrativi per soddisfare le richieste della comunità internazionale.

Gli Emirati hanno rafforzato la loro legislazione per combattere il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.

Hanno istituito un Gruppo di Lavoro AML, guidato dal Ministro degli Esteri, con l’obiettivo di migliorare il coordinamento tra i sette Emirati e portarli tutti allo stesso standard. Tra le altre cose, questo Gruppo di Lavoro ha creato un registro dei proprietari effettivi delle società degli Emirati Arabi Uniti e lo ha reso disponibile a organizzazioni internazionali, tra cui il FATF.

Infatti, il FATF ha riferito qualche giorno fa che gli Emirati hanno dimostrato significativi progressi nell’attuazione del loro piano d’azione FATF nell’ultimo anno.

Gli Emirati hanno anche stretto la regolamentazione del commercio di oro e pietre preziose e hanno incluso le operazioni immobiliari nel sistema AML federale.

Un altro segno di progresso è l’introduzione dell’IVA nel 2018 e della nuova imposta sulle società, che sarà attiva da giugno 2023.

Il governo è desideroso di dimostrare alla COP28, che si terrà a Dubai il prossimo novembre e dicembre, di essere un partecipante chiave alla campagna mondiale per ridurre le emissioni di carbonio.

Insomma, il governo degli Emirati Arabi Uniti sta facendo uno sforzo considerevole per modernizzare l’economia e portarla maggiormente in linea con le pratiche internazionali.

La fiscalità di Dubai: perché è sotto i riflettori

Gli Emirati Arabi Uniti hanno già dimostrato la capacità di monitorare il settore finanziario.

Il Dubai International Financial Centre (DIFC), dove sono situato, è severamente regolamentato.

La Dubai Financial Services Authority (DFSA) impone norme equivalenti a qualsiasi altro centro finanziario internazionale.

La sfida che gli Emirati affrontano, come riconoscono pienamente, è di garantire che tutti gli Emirati raggiungano lo stesso standard, ma hanno dimostrato in altri settori, come il turismo, il commercio, l’ospitalità e le telecomunicazioni, di essere in grado di rispettare le normative internazionali e competere con il resto del mondo.

Il supporto che la UE può dare a Dubai

Pertanto, certamente, l’UE dovrebbe lavorare a stretto contatto con gli Emirati Arabi Uniti per aiutarli a rimuovere il loro nome dalla lista nera, il che aiuterebbe gli Emirati a uscire anche dalla lista di osservazione FATF.

L’UE dovrebbe utilizzare la propria enorme influenza per incoraggiare invece che penalizzare gli Emirati come capro espiatorio.

Emerge, ovviamente, come ci siano fattori complicanti per l’UE.

Innanzitutto, gli Emirati ospitano attualmente centinaia di migliaia di russi che fuggono dalla loro patria per evitare la leva obbligatoria e le conseguenze della guerra.

Ciò sta causando molti problemi, non solo in termini di flussi finanziari, che gli Emirati stanno lottando per gestire.

La maggior parte delle persone sarebbe d’accordo sul fatto che i russi costretti a fuggire dal loro Paese devono andare da qualche parte, e sono chiaramente più benvenuti negli Emirati che nell’UE e nell’Occidente.

Questo è un altro motivo per cui l’UE dovrebbe lavorare con gli Emirati, il che avrebbe benefici non solo negli EAU, ma anche nell’intera regione del Golfo.

Gli EAU non sono timidi nel riconoscere che hanno molto lavoro da fare nell’attuare regole più rigorose in tutti i settori e in tutti gli Emirati, ma hanno dimostrato molte più apertura e trasparenza rispetto alla maggior parte degli altri Stati attualmente nelle liste nere e grigie.

Gli EAU hanno sempre maggiore influenza nel mondo arabo: pertanto, una politica di cooperazione con gli Emirati sarebbe più intelligente che stigmatizzarli in questi tempi difficili.

You may also like:

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 33 = 38